Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Alberto Zangrillo, primario dell’ospedale San Raffaele di Milano ribadisce che la situazione emergenza covid ormai è finita da due mesi: «È un mese che in Lombardia non si muore più di Covid, l’emergenza è finita da 2 mesi».

Invita tutti ad evitare di seminare il panico: «la mia più grande preoccupazione in campo sanitario è riprendere a curare quei malati che, per colpa di Sars-CoV-2, trascuriamo da almeno 5 mesi». Per quanto riguarda la comunicazione quotidiana dei decessi da Covid per Zangrillo si tratta di «un modo di comunicare scorretto che non rispecchia la realtà», dice il primario facendo un esempio. «Il nonno di Pierino è coinvolto in un grave incidente stradale sulla tangenziale di Milano. Viene portato in emergenza in pronto soccorso, laddove oltre alle manovre di rianimazione, viene sottoposto, come tutti i pazienti, che entrano in un ospedale italiano, al tampone orofaringeo. Purtroppo, nonostante le cure, il nonno di Pierino, nel frattempo risultato Covid positivo, dopo due giorni viene a mancare in conseguenza del grave trauma subito. La causa di morte del nonno è chiara a tutti ma purtroppo verrà addebitata al virus».

Continua il primario – «Ci interroghiamo tutti i giorni – continua Zangrillo – sul perché di questi dati di cui non abbiamo alcun riscontro nella pratica clinica giornaliera. Ci siamo informati presso gli organismi competenti ed abbiamo ricevuto la conferma». Allo stesso tempo «tutti sanno che in Italia l’eccesso di mortalità da Sars-Cov-2 è fortunatamente azzerato da due mesi. Concludendo: Attenzione, distanziamento massima prudenza, rispetto delle regole ma rispettiamo anche la verità», conclude.
Oggi, aggiunge, «il quadro clinico del grande malato Italia è nelle mani del Comitato tecnico scientifico, formato da illustri colleghi con cui non voglio entrare in conflitto. Ho riconosciuto a loro il grande merito di aver suggerito in tempi esatti un doloroso ma necessario lockdown. Ora vorrei che le loro indicazioni tenessero in maggior considerazione le evidenze cliniche attuali. In questo momento storico c’è bisogno di condivisione, coraggio e lucida visione di un quadro globale. Oggi la mia più grande preoccupazione in campo sanitario è riprendere a curare quei malati che, per colpa di Sars-Cov-2, trascuriamo da almeno 5 mesi».


Leggi anche:  Influencer americana annuncia :"Avrò un figlio, mia madre mi presta il suo utero"

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here