Testimonianza di Andrea: stavo per essere incastrato dallo spiritismo tramite l'i-phone

Le applicazioni per smartphones e tablet al giorno d’oggi son divenute un’importante fetta di mercato sia per grandi case di produzione di softwares sia per nuove aziende (se non singoli) in cerca di nuovi orizzonti di produzione o sviluppo. Questa neonata realtà, in continua crescita, non è di certo passata inosservata agli appassionati d’occultismo, divinazione e spiritismo.

Come avevo già ampiamente illustrato nell’articolo “Lo spiritismo e la divinazione ai tempi degli smartphone e dei tablet“, glionline stores già da diverso tempo pullulano d’applicazioni esoteriche d’ogni tipo, adatte a soddisfare qualunque appetito, pronte per essere utilizzate persino dai più giovani data l’estrema semplicità dell’interfaccia.
Sempre più spesso, proprio negli stessi online stores, queste applicazioni vengono incluse nella categoria “giochi” o “tempo libero“, alimentando il pericolosissimo e deleterio processo di normalizzazione della magia all’interno della società, nel sentire comune, processo che spinge molti continuativamente a considerare tutto ciò come un mero passatempo senza conseguenze.
In realtà tali conseguenze esistono, e possono essere anche molto gravi.

Quella che leggerete nella piccola intervista è la vicenda di Andrea, il cui cognome non citerò per motivi di privacy, il quale proprio di recente si è ritrovato in una spiacevolissima situazione a causa dell’applicazione per smartphones “Tavola Ouija”, e si è rivolto al sottoscritto per comprendere l’entità della faccenda.
Andrea vi racconterà quanto, in vero, non ci si trovi davanti ad un semplice programma per cellulare composto da algoritmi e codici, ma, piuttosto, ad uno sconsigliabile e dannoso strumento magico portatile.
Questa tavola ouija elettronica difatti si è trasformata ben presto in un’applicazione manovrata da un entità malevola, un demonio, capace di citare nomi di battesimo, capace di rivelare cose nascoste, capace di minacciare e di tentare di sedurre colui che la utilizza.
Fortunatamente Andrea è stato capace di ritirarsi da questa spirale occulta prima che fosse tardi, ma sono al corrente d’altre persone che non hanno avuto codesta forza d’animo, ed alcune subiscono vessazioni ed ossessioni di carattere demoniaco.
Proprio per tale motivo mi auguro che questa testimonianza possa smuovere le coscienze e convincere coloro che regolarmente utilizzano applicazioni d’esoterismo a cancellare il tutto prima di subire danni o sofferenze che potrebbero davvero prolungarsi per anni.

La testimonianza di Andrea

● Come mi aveva già anticipato in precedenza, lei da diverso tempo si interessa delle tematiche inerenti lo spiritismo tramite lettura di libri a riguardo, ma la sua attenzione di recente si era spostata sulle applicazioni per smarthpones sebbene fosse inizialmente scettico.
Ci può spiegare con precisione cosa l’ha spinta a scaricare l’applicazione e con quali convinzioni ha iniziato questa “esperienza“?

Sin da bambino sono sempre stato interessato a tematiche relative al mistero, al paranormale e alle leggende pur avendo un atteggiamento molto scettico e non credendo che tali manifestazioni esistessero concretamente nella realtà. Riguardo all’applicazione smartphone la cosa che mi aveva incuriosito è che si basa su principi e metodologie completamente diversi rispetto a quelli in voga nello spiritismo classico: nelle sedute spiritche tradizionali si crede che le entità si manifestano in quanto richiamate dai partecipanti e grazie all’apporto di un tramite (medium) dotato di particolari capacità sensitive; l’applicazione smartphon invece, attraverso i sensori presenti nel cellulare, rileva i possibili disturbi dovuti a campi magnetici e di altra natura traducendoli in parole tramite un apposito algoritmo. Di conseguenza, secondo gli ideatori di questo meccanismo, basta attivare l’applicazione e, dopo una sorta di scrematura dell’ambiente circostante, inziano a comparire automaticamente parole e frasi provenienti da imprecisate entità.

Di quale applicazione si tratta?

Sono andato su Play Store e ho scaricato l’applicazione Ouija Table Digitalpress gratuita.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here