Un altro #gioco per #bulli che rischia di mandare #ragazze in #depressione o peggio di spingerle al #suicidio a causa delle #umiliazioni e prese in giro che si ricevono, si chiama “Pull a big” ed è molto diffuso in Gran Bretagna. Se ne parla da quando c’è stato il caso della ragazza inglese sedotta e umiliata da un coetaneo olandese conosciuto a Barcellona.

Per i ragazzi questo gioco viene considerato uno scherzo, ma in realtà è  un altro modo di bullizzare per gioco.

“Pull a pig, letteralmente significa ‘inganna un maiale’ ed è una pratica che vede un gruppo di amici fare a gara per riuscire ad avvicinare una ragazza, considerata poco avvenente o meglio la più brutta, con lo scopo di farle credere di essere interessati a lei, conquistarla e magari portarla a letto per poi umiliarla dicendole che si trattava tutto di uno scherzo“. Esattamente quello che è accaduto a Sophie, la ragazza inglese che volata ad Amsterdam per rivedere il ‘suo Jesse’ si è vista invece arrivare un messaggio con su scritto: “sei stata ‘pigged'”.

Raggiunto lo scopo del gioco, il bullo d’innanzi al suo gruppo di amici si sente molto più forte ma in realtà il bullo di turno, non è nient’altro che una persona fragile ed insicura che per sentirsi valorizzato e per farsì che la sua presenza venga temuta e presa in considerazione, attua azioni di bullismo contro ragazzi e ragazze più fragili di lui.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here