Credo in un solo padre - il film

Al cinema, un lungometraggio incentrato contro la violenza sulle donne.

 

In questi mesi, si girano le scene del lungometraggio cinematografico “Credo in un solo padre”, un film sul tema della violenza sulle donne, una pellicola per denunciare l’omertà che spesso e volentieri, circonda le vittime.

L’iniziativa cinematografica è stata appoggiata dall’associazione “Senza rumore” un movimento di promozione sociale che è nato dall’incontro con l’autore del libro “Senza far rumore”, dello scrittore Michele Ferruccio Tuozzo.

L’associazione ha preso parte a tanti eventi di comunicazione sociale, ascoltando anche studenti, istituzioni, cittadini e proprio da questi incontri è nata l’esigenza di realizzare un film, su un tema così tanto diffuso nella società di oggi.

“Credo in un solo padre” è un film che farà risvegliare le coscienze di chi per troppi anni, pur sapendo e avendo visto, ha taciuto cadendo così in atteggimento omertoso.

E’ un film ispirato a fatti realmente accaduti che hanno coinvolto in particolar modo le donne, a quelle situazioni drammatiche di violenza che si vivono all’interno delle mura domestiche e che nessuno, per paura o per omertà, ha il coraggio di denunciare o di porre fine.

Il cast del film

La regia è di Luca Guardabascio,mentre nel cast troviamo la presenza di: Claudio Madia, Flavio Bucci, Fabio Mazzari, Lucia Bendia, Stefano Simondo, Maria Rosaria Salito, Tonino Valente, Kevin Capace, Annarita Del Piano, Aldo Leonardi, Antonino Venturini, Ludovica Ferraro, Fabio Toscano, Giordano Petri, Clayton Norcross, e tra i vari attori anche Massimo Bonetti che lo ricordiamo nella fiction “Distretto di polizia” e nell’indimenticabile “La piovra”.

Alcuni di loro come Fabio Mazzari e Donatella Pompadour, li abbiamo visti negli anni, interpretare personaggi nella soap opera “Vivere” su Canale 5.

I proventi del film

I fondi serviranno per coinvogere e formare sul set 6 donne, per un periodo di circa 8 settimane che sono state vittime di violenza.

L’obiettivo dell’associazione “Senza rumore” è quello di aiutare chi ha subìto violenza a non avere paura ma ad uscire da questa violenza anche psicologica e fisica che hanno subìto e questo grazie a delle figure esperte, presenti sul set come avvocati, psicologi ecc…

Le riprese sono iniziate ad aprile 2018 e termineranno in autunno. Le location sono varie, molte sono girate in Campania.

Un progetto per un’opera benefica che vuole portare il pubblico alla riflessione ma soprattutto a condannare eventuali atteggiamenti omertosi che si potrebbero presentare in futuro.

Rita Sberna


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here