Una delle cose più difficili della vita è dimenticare le vecchie ferite.

Spesso diciamo, o almeno pensiamo:

«Quello che hai fatto a me e alla mia famiglia,
ai miei antenati o ai miei amici non posso dimenticarlo né perdonarlo… Un giorno dovrai pagare per questo».

Talvolta i nostri ricordi sono vecchi di decenni, persino di secoli, e continuano a chiedere vendetta.
Imputare le colpe alle persone crea spesso un muro impenetrabile.

Ma ascoltate Paolo:

«Se uno è in Cristo, è una creatura nuova; le cose vecchie sono passate, ecco, sono diventate nuove.
Tutto questo viene da Dio» (2 Corinzi 5,17-18).

Difatti noi non ríusciamo a dimenticare le vecchie ferite, ma Dio lo può.

Paolo dice:

« È stato Dio infatti a riconciliare a sé il mondo in Cristo, non imputando agli uomini le loro colpe» (2 Corinzi 5,19).
È opera di Dio, ma noi siamo suoi ministri, poiché il Dio che ha riconciliato il mondo a Dio ci ha affidato «il messaggio della riconciliazione» (2 Corinzi 5,19).

Questo messaggio ci invita a dimenticare le nostre ferite nel Nome di Dio. È il messaggio che il nostro mondo ha più bisogno di ascoltare.

Anonimo

 

 

Preghiera del Giorno


1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here