« Pregate perché tutte le prove che vengono da Satana finiscano alla gloria del Signore »

Allora vi prego, non lasciatevi portare dalle discussioni, pregate. La Madonna vuole questo anche da me. Se facciamo discussioni, se ci arrabbiamo, cominceremo a giudicare e la Madonna non è venuta per queste cose. Vi voglio invitare solo alla preghiera, soprattutto nella prossima settimana, perché c’è una nuova riunione della Commissione. Che cosa faranno non lo so. Io dico che la Madonna guida tutto. Io non ho paura perché ho deciso di andare con Gesù, anche prima delle apparizioni. Andare con Gesù si va tramite le difficoltà, tramite i problemi, allora, quando si viene qui, si deve cercare la fede, ma la fede di Abramo, come nell’introduzione della Messa. La fede di Abramo che vede di più di quanto non si guardi con gli occhi dell’uomo: prendere il figlio, portarlo sulla collina e volerlo uccidere. Cose da matti, ma nella fede è un’altra cosa: è un atto di obbedienza che diventa la salvezza. Con questa fede si deve pregare. Per noi uomini è una cosa matta accettare la Croce, ma agli occhi di Gesù, nella vita di Gesù è un’altra cosa: è una sapienza che viene da Dio. Allora la nostra fede non ci toglie dal mondo, dalle difficoltà, dai problemi, ci aiuta ad andare come la luce nelle tenebre. Andiamo avanti come Abramo: pregate in questo senso che la vostra fede diventi più che un ragionamento umano. E io vedo che molti dicono: io credo! Si può forse dire: « Io ho la mia ragione, la mia testa vede tutto »? Non è possibile. Pregate per questa fede che può diventare un po’ più che un ragionamento, più che la matematica con Dio.

Abramo è un esempio di come si deve fare: lasciarsi guidare e vedere sempre un po’ di più quando viene la difficoltà, quando viene la croce, quando vengono le malattie…

Senza questa fede che vede un po’ di più, tutto nel mondo è tetro; tutti siamo pazzi, se non esiste questa fede. E per questa ragione anche il digiuno e la preghiera aiutano a purificarci, ad aver più fede.

Fonte: P. Slavko Barbaric – 2 marzo 1985


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here