I PECCATI CHE REGALANO PIU' CLIENTI ALL'INFERNO

INSIDIE IN AGGUATO

È particolarmente importante tener presente la prima insidia diabolica, che trattiene tante anime nella schiavitù di Satana: è la mancanza di riflessione, che fa perdere di vista il fine della vita.

II demonio grida alle sue prede: “La vita è un piacere; dovete cogliere tutte le gioie che la vita vi regala”.

Gesù invece sussurra al tuo cuore: ‘Beati quelli che piangono.” (cfr. Mt 5, 4)… “Per entrare in cielo bisogna farsi violenza.” (cfr. Mt 11, 12)… “Chi vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua.” (Lc 9, 23).

Il nemico infernale ci suggerisce: “Pensate al presente, perché con la morte tutto finisce!”.

II Signore invece ti esorta: “Ricordati dei novissimi (la morte, il giudizio, l’inferno e il paradiso) e non peccherai”.

L’uomo impiega buona parte del suo tempo in tanti affari e dimostra intelligenza e scaltrezza nell’acquistare e conservare i beni terreni, ma poi non impiega neppure le briciole del suo tempo per riflettere sulle necessità molto più importanti della sua anima, per cui vive in un’assurda, incomprensibile e pericolosissima superficialità, che può avere conseguenze spaventose.

II demonio porta a pensare: “Meditare non serve a niente: tempo perso!”. Se oggi tanti vivono in peccato è perché non riflettono seriamente e non meditano mai sulle verità rivelate da Dio.

II pesce che è già finito nella rete del pescatore, finché è ancora nell’acqua non sospetta di essere stato catturato, quando però la rete esce dal mare, si dibatte perché sente vicina la sua fine; ma ormai è troppo tardi. Così i peccatori…! Finché sono in questo mondo se la spassano allegramente e non sospettano nemmeno di essere nella rete diabolica; se ne accorgeranno quando ormai non potranno più rimediarvi… appena entrati nell’eternità!

Leggi anche:  PAdre Livio Fanzaga: Da Fatima a Medjugorje il piano della Madonna per salvare i fratelli dalla dannazione

Se potessero ritornare in questo mondo tanti trapassati che vissero senza pensare all’eternità, come cambierebbe la loro vita!

SPRECO DI BENI

Da quanto esposto finora e specialmente dal racconto di certi fatti, appare chiaro quali siano i principali peccati che portano alla dannazione eterna, ma si tenga presente che non sono solo questi peccati a spedire gente all’inferno: ce ne sono molti altri.

Per quale peccato il ricco epulone è finito all’inferno? Aveva tanti beni e li sprecava in banchetti (sperpero e peccato di gola); e inoltre si manteneva ostinatamente insensibile ai bisogni dei poveri (mancanza di amore e avarizia). Tremino dunque certi ricchi che non vogliono esercitare la carità: anche a loro, se non cambiano vita, è riservata la sorte del ricco epulone.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here