mons. Giovanni D'Ercole

Carissimi, questa mattina ho ascoltato una catechesi che a breve anzi in brevissimo tempo condividerò anche con voi, di mons. Giovanni D’Ercole, il quale dopo aver dato testimonianza della sua devozione alla Vergine della Rivelazione ed ha raccontato dei particolari esclusivi sulla sua vocazione, ha fatto una profonda catechesi che ha toccato vari punti che mi sono rimasti particolarmente nel cuore.

L’insegnamento e i catechisti

Uno di questi riguarda quelle categorie che sono chiamate a trasmettere la “fede” e i valori cristiani ai bambini (che un giorno saranno degli adulti) come ad esempio i catechesti che sono chiamati non tanto ad insegnare con la teoria (l’importanza della figura di Gesù nella vita di ognuno di noi) ma con il loro stesso esempio; e gli insegnamenti più belli, per l’esperienza di mons. D’Ercole, sono avvenuti spesso fuori l’ora di catechismo, con un gesto, un’azione o una parola …

“Aiutare i bambini a scoprire la bellezza della Madonna è una strada privilegiata che porta a Gesù” afferma mons. Giovanni D’Ercole. Questo mi ha incoraggiata perchè anche noi genitori siamo chiamati a farlo.

La morte e il passaggio all’altra vita

Un altro punto è la morte che porta via tutto, ogni cosa, lasceremo tutto su questa vita e verremo spogliati di tutto … ma solo una cosa porteremo con noi e sarà l’unica cosa per la quale verremo giudicati “L’amore”. Anche questo passaggio della sua catechesi mi incoraggia ad amare di più, ad amare veramente come ci ama Gesù e non come ipocritamente ci insegna il mondo.

I santuari “cliniche di guarigione”

Un altro punto che mi ha fatto riflettere è quando parla con quale atteggiamento bisogna recari nei Santuari, non per chiedere esclusivamente grazie ma per lasciarsi “guarire” dalla depressione spirituale che in questo tempo coinvolge un pò tutti. A volte recitare rosari non è difficile ma è più difficile restare in silenzio davanti al Tabernacolo, permettere a Gesù di leggerci dentro….

Leggi anche:  Setta Satanica nel mondo dello spettacolo?! E' il caso dell'Aresgate

Spero che questi punti oltre a far riflettere me, facciano riflettere tanti di voi.

Grazie Mons. D’Ercole per le sue parole che sono un faro di luce per molti cuori in penombra.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here