Milona racconta la storia della sua conversione a Medjugorje

Tornai a Medugorje e vi rimasi per qualche mese. Dopo un anno mi sbarazzai di tutto quello che avevo. Anche se i miei amici mi ritenevano folle lasciai tutto dietro di me. Venni a sapere che P. Slavko aveva bisogno di una segretaria e di un’interprete e così andai da lui per tre mesi. Ora sono già sette anni che sono lì. Dio ha preso tutta la mia vita nelle Sue mani così la mia conversione è in Continuo sviluppo. Ho l’impressione di non aver mai creduto prima di questa esperienza, nonostante sia stata educata cristianamente. Prima credevo che Dio si trovasse da qualche parte, sopra le nuvole, mentre ora vivo con Lui. Non vedo Dio, ma Lui mi è più vicino ed è più reale delle persone che mi vivono attorno”.

Nel resto della sua testimonianza, Milona afferma di aver scoperto l’amore di Dio, un amore che si scopre proprio dove termina la logica umana. Dice di aver sperimentato come è importante, per rimanere in questo amore, la lotta contro il proprio orgoglio e il peccato. Per questo è diventato importante per lei pregare per quelli che sono attaccati da satana, quindi per tutti. Invita anche a pregare per sostenere i veggenti e i sacerdoti di Medugorje in modo che quella grazia che lei, come tanti altri, la ha incontrato, possa essere ancora a disposizione per tutti gli uomini.

(Mark Waterinckx — Belgio)


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here