L’esorcista, una professione ad alto rischio spirituale

Cosa fa per non farsi toccare a livello personale?

Ho fatto una riflessione: lo faccio in nome della Chiesa, mi dà la possibilità di aiutare. Ci sono momenti difficili perché la gente vede cose stranissime, visioni, presenze…

Mi tengo a distanza, altrimenti diventerei pazzo.

Bisogna avere fiducia in Dio. Una fiducia enorme. Ho visto che o sei un uomo di fede o abbandoni questo officio. Umanamente non è semplice.

Come definisce la gente che ricorre all’esorcista?

Pazienti, o semplicemente fedeli angosciati che hanno bisogno di una risposta.

La minacciano?

A volte chi viene ti minaccia. L’altro giorno una ragazza mi ha tirato con forza il Rosario. Eravamo nella cappella. L’ho evitato. E poi mi chiedeva dove fosse il Rosario. Le ho detto: “Cercalo tu, sei stata tu a tirarlo”.

In questi casi non perde la pazienza?

Finora non mi è mai capitato.

Il Demonio parla?

Parla a me. È molto forte.

In che lingua si realizzano gli esorcismi?

L’esorcismo è un atto della Chiesa e faccio quello che la Chiesa mi comanda, se me lo offre in castigliano o in catalano lo faccio. Mi piace che chi viene partecipi, che capisca. E allora il latino non è necessario.

Ci sono casi di infestazione di oggetti?

Sicuramente, e anche di animali.

Case possedute?

Sì.

Macchine?

Sì, può essere, casi in cui c’è stata qualche cosa ed è come se fosse rimasta qualche traccia.

A me hanno fatto un esorcismo. Nel Battesimo. Come a tutti i battezzati. La gente ne è consapevole?

No. Molti non sanno che nel sacramento del Battesimo si pratica un esorcismo, ma è semplice. Quello che faccio io è solenne, straordinario. E non va banalizzato.

Leggi anche:  Una seduta spiritica finita male

Ci si può rendere conto da sé di essere posseduti o lo percepisce chi circonda la persona?

Entrambe le cose. O lo vedi o te lo dicono. Ci sono dei sintomi: non riesci a dormire, tenti il suicidio, di tutto. Se le persone ne parlano con qualcuno che ha già conosciuto un esorcista vengono. Altri non sanno più cosa fare e ti cercano.

Allora lei vede che la persona ne ha bisogno e pratica un esorcismo. Come avviene?

Mi metto la stola e poi iniziamo la preghiera di protezione.

Ha bisogno di acqua benedetta, sale e di mettersi la stola. Basta così?

Sì, e serve il rituale per la preghiera.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here