Le continue apparizioni di Medjugorje manifestano il ruolo di Maria nel nostro tempo

Non ci sono mai state nella storia umana delle apparizioni durate così a lungo. Questo rappresenta per gli uomini un segno del piano che Dio ha per loro, piano in cui Maria assume un compito particolare. Quando Dio progetta qualcosa, ciò si realizza. A dir vero, la sua opera comincia spesso in modo silenzioso e nascosto, però, attraverso la collaborazione e la disponibilità degli uomini, tutto giunge a compimento.

Così è avvenuto anche per Maria, la semplice fanciulla di Nazareth, così è accaduto in molti luoghi di apparizioni e così pure si può vedere oggi a Medjugorje. Le apparizioni di Maria sono cominciate in un piccolo villaggio in Erzegovina che oggi è ormai conosciuto in tutto il mondo. Attraverso piccoli gruppi di preghiera, i messaggi di Maria si sono diffusi per tutta la Terra in modo inarrestabile. Dio manda Maria, perché la sua presenza è importante per un mondo che ha molte volte respinto Dio.

Possiamo anche riconoscere l’importanza di Maria, in particolare per il nostro tempo, dall’espressione emblematica di Giovanni Paolo II: “Totus Tuus – completamente tuo, Maria”. Il Papa, che ha visitato tanti paesi, ognuno con le proprie difficoltà, e che conosce i problemi dell’umanità intera, sa pure che proprio l’uomo di oggi ha bisogno soprattutto della Madre celeste. Maria è sempre Madre e come tale si preoccupa dei problemi dei figli. Ella è anche la Donna che meglio sa ricondurre a Dio l’uomo smarrito. Perciò ha pianto alla parola “pace” a Medjugorje quando disse, all’inizio delle apparizioni: “Pace, pace, solo pace; fra Dio e l’uomo deve esserci di nuovo pace; la pace deve essere fra gli uomini”.

Quando anche noi siamo pronti ad affidarci a lei completamente con le parole “Totus Tuus”, ella, che ha sempre camminato direttamente verso Dio, può aiutarci ad amare di più Gesù, per trovare in lui la vera gioia che nessuno potrà toglierci: “Vi ho detto questo perché la mia gioia sia in voi e perché la vostra gioia sia piena”(Gv 15,11). Come Madre, ella desidera prima di tutto condurci sulla via della vita eterna. Ella ci aiuta già su questa terra a restare uniti a Gesù e a scoprire in lui la vita: « Io sono venuto perché abbiate la vita e l’abbiate in abbondanza» (Gv 10,10). Padre Pio, che è stato beatificato il 2 maggio, onorava Maria in modo particolare, e di lui si dice che pregasse il rosario continuamente. Quando gli fu chiesto, sul letto di morte, che cosa è veramente importante in questi tempi, rispose: “Amate la Madre di Dio, e fate in modo che venga amata. Pregate il rosario”. Questa è la testimonianza di un uomo che aveva uno stretto legame con la sua Madre celeste. Nella vita di P. Pio la forza di Maria fu visibile in modo straordinario, ed egli vide in lei la stella della speranza, che sorge sopra le angustie dei nostri tempi.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here