La Santa Vergine di Medjugorje converte dei cinesi

Alla fine del Luglio 91 ho visto e ascoltato un gruppo di cinesi che, davanti alla statua della Madonna di Lourdes, nella chiesa di Medjugorje, cantavano dei canti mariani in cinese; ho scoperto in seguito che venivano da Hong — Kong, città cosmopolita dove la religione tradizionale è il buddismo e il numero dei cattolici raggiunge appena le 200 migliaia. Questo è bastato perchè la persecuzione contro la chiesa arrivasse anche lì. Ovunque vi sono spie del regime.

Malgrado questo i Messaggi di Medjugorje hanno raggiunto molte città cinesi e si sono formati molti gruppi di preghiera. Ad essi arriva l’Eco in inglese e molti articoli vengono tradotti e diffusi in cinese da Anthony Tsoi. Ecco la testimonianza di un animatore di questi gruppi. A 15 anni, cioè 40 anni fa, Chang, si consacrò alla vergine Maria, ma ciò ben poco influì sulla sua vita. Egli aveva tuttavia ricevuto una buona educazione dai Padri Gesuiti. Andava a Messa, collaborava in molte attività cattoliche e sociali, ma tutto senza il sostegno e la luce della preghiera. Lui stesso sapeva di essere un cristiano solo di nome.

Ma nel 1988, anno mariano, un membro della sua famiglia cadde gravemente malato, e allora cominciò a pregare per la guarigione e da questa preghiera iniziò la sua conversione.

Dopo che un padre trappista gli ebbe parlato di Medjugorje e, dopo aver letto i Messaggi della Vergine, decise di mettere tutta la vita al Suo servizio. Chiese perdono per il suo passato e affidò la sua conversione a Maria. “A partire da questo momento —dice lui stesso— non desiderai altro che una cosa… pregare profondamente e abbandonarmi alla divina provvidenza”.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here