Il Vangelo del 19 dicembre 2021

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 1,39-45

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.
Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
Parola del Signore.

Il sorriso di Maria – “La poesia del Vangelo”

In un saluto c’è salvezza: quel saluto è il tuo, Maria:
la tua benedizione precede quella del Figlio tuo.
Tu sei la rugiada di benedizione che il profeta Elia vide sul monte Carmelo
e che tutti ora contempliamo come Benedetta
fra tutte le donne.
Il frutto del tuo grembo è salvezza incarnata.
Salutaci sempre o Maria:
che il nostro primo pensiero sia il tuo dolce sorriso, ogni mattina,
quel sorriso increspato di luce e bellezza,
quel sorriso irradiato dal Verbo
che in te prese dimora:
nulla lasciasti di te stessa,
divenisti, col tuo “Fiat voluntas tua”,
la tutta santa.

E Beata colei che ha creduto, Maria, beata!
Insegnaci a credere alla salvezza che Dio ha voluto donarci
col dolce Bambino Gesù.


Leggi anche:  Poesia all'Immacolata Concezione di Elisa Pallotta

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here