La Madonna ci parla della Santa Messa e della sua importanza attraverso Catalina Rivas

LA SANTA MESSA – Estratti dalla conferenza di Catalina (Katia) Rivas.  “Un giorno la Madonna disse …Voglio che tu sappia che cosa è la Santa Messa …”

All’atto penitenziale: “mettiamoci alla presenza del Signore e chiediamo con tutto il cuore che ci perdoni tutte le colpe … tutte le nostre mancanze, che ci renda degni di essere presenti in questa Santa Messa. Siamo arrivati all’ultimo momento, senza aver fatto una necessaria preparazione … Perché dobbiamo sempre arrivare all’ultimo momento alla Santa Messa? Dobbiamo arrivare per tempo, per metterci alla presenza del Signore, chiediamo allo Spirito Santo di scendere su di noi, di comunicarci tutto il suo Amore, di darci uno spirito di pace, per poter ottenere il massimo frutto dalla Santa Messa”.

Al momento della liturgia della Parola: “facciamo attenzione, ascoltiamo e meditiamo senza perdere la concentrazione … E’ un momento molto importante per noi: La parola del Signore dice che la Sua parola non ritorna a Lui senza aver prodotto frutto. Allora, se noi siamo attenti e tutto il giorno abbiamo presente tutto quanto è stato letto o, perlomeno, ricordiamo qualche cosa, e ripensando assaporiamo quella Parola di Dio, prima o poi produrrà frutto in noi, quindi seguiamo con attenzione questa parte”.

Al momento dell’Offertorio: “…la Chiesa incomincia a riempirsi di gente, di esseri belli, con i loro volti luminosi, portano lunghe tuniche bianche, questi esseri alti, belli hanno dei lineamenti femminili, così belli… Alcuni con i capelli lunghi, altri li hanno corti, alcuni hanno capelli flosci, altri invece ricciuti, neri, biondi, ma i loro volti sono bellissimi. Si dispongono in fila al centro e incominciano ad avvicinarsi all’altare… Alcuni portano come una patena, una cosa molto brillante … Si accostano felici … Altri avanzano con le mani penzolanti e non hanno niente in mano. Altri infine avanzano con la testa bassa, con le mani unite, in preghiera, ma molto tristi, come vergognosi”.
“Sono gli Angeli custodi di ognuno dei presenti… E’ il momento in cui presentano le loro offerte all’altare di Dio, per unirsi all’offerta che fa il Sacerdote del vino e acqua e del pane, che dopo diventerà il Corpo e Sangue del Signore. Anche la nostra offerta diventa un’offerta d’amore, perché noi, da soli, non abbiamo nessun merito, perché siamo misere creature, ma quello che noi offriamo, le nostre petizioni, il nostro dono a Dio Padre, unito al Sacrificio Retentore di Gesù Cristo, unito al suo corpo al momento della Consacrazione, acquista un valore immenso al cospetto di Dio Padre. Il nostro passaggio sulla terra diventa giustificato soltanto per i meriti di Gesù”.
“Gli Angeli con le mani penzolanti sono quelli delle persone che nulla hanno da chiedere, né nulla da offrire. La Messa ha un valore infinito che noi non conosciamo. Lo comprenderemo un giorno, quando saremo dall’altra parte. Domandiamo per tutti! Domandiamo per noi, ma non siamo egoisti. Ricordiamoci dei poveri, dei bisognosi, dei peccatori, dei politici, perché non vi è chi preghi per loro. Ricordiamoci di coloro che soffrono in prigione, degli ammalati. Chiediamo, chiediamo molto, ma offriamo anche, perché questo piace al Signore! Offriamo noi stessi. E’ quello che piace di più al Signore! Offriamo noi stessi, affinché Egli realizzi la sua Volontà in noi, affinché possa trasformarci, affinché possa farci diventare altri Angeli!”

Leggi anche:  "Se Pregherete e digiunerete anche le guerre cesseranno"

“Gli Angeli che vanno con lA testa bassa, con le mani unite, con vergogna, sono gli Angeli di quelle persone che, pur essendo presenti alla Messa, stanno con la mente da qualsiasi altra parte, non sono attenti. Perciò gli Angeli sentono vergogna, perché quelle persone non dovrebbero nemmeno essere lì. Non soltanto non prendono parte alla Messa, ma fanno vergognare i loro Angeli, il proprio Angelo custode e stanno offendendo il Signore”.

Poco dopo, alla Consacrazione, al momento in cui inizia il “Santo, Santo, Santo è il Signore…, all’improvviso, scompare tutto quello che si trova dietro al Sacerdote, le mura, il soffitto, ogni cosa. A sinistra del Sacerdote, verso l’angolo, in diagonale al Sacerdote, partendo dal suo braccio sinistro, vi è una moltitudine di Angeli, Angeli bambini, Angeli grandi, Angeli con le ali e senza, esseri bellissimi, un numero infinito, che cantano in vari cori con la melodia più bella che si possa immaginare. Tutti ripetono … Santo, Santo, Santo è il Signore… con le mani conserte, mentre in ginocchio si prostrano. Dall’altro lato del Sacerdote, dietro di lui alla sua destra, vi è una moltitudine di esseri. Sono i Santi e i Beati del Cielo. La Madonna dice che quando uno offre la Messa e prega per i propri cari defunti, nominandoli mentalmente, il Signore concede la grazia che in quel momento siano presenti. E a capo di tutti sta San Giuseppe; sono quasi accanto al braccio del Sacerdote”.

“La Vergine è in ginocchio alla destra dell’altare, in atteggiamento di rispetto, di venerazione, di adorazione, attenta, ascoltando tutto quello che il Sacerdote dice, con le mani conserte, inginocchiata, attendendo il momento sublime per adorare la Santissima Trinità.”

Leggi anche:  Sul Terzo Segreto di Fatima c'è molta invenzione

“Il Sacerdote pronuncia le parole della Consacrazione e non si sente più la sua voce. Ad un tratto è la stessa voce di Gesù che ripete … Prendete e mangiatene tutti… Davanti all’altare, in quel momento si accende come un fuoco, delle fiamme molto brillanti, come di colore rosso dorato. Noi non possiamo vedere i volti di alcune persone, sono delle ombre, ombre di gente, grigie, con le braccia rivolte verso l’alto … Sono le anime del Purgatorio, che attendono una nostra preghiera per potere uscire di là. Preghiamo per loro, perché quando escono dal Purgatorio, loro pregano per noi e ci aiutano”.


1 COMMENT

  1. Belle e commoventi parole, ma una domanda la voglio fare.
    Come mai chi frequenta la chiesa risulta poi essere la persona più egoista e insopportabile?
    Mica basta battersi il petto in chiesa per cancellare tutti i peccati?
    Credo che Dio onnipotente vede ste cose…….ma perché il cristiano praticante è così egoista e antimorakista fuori dalla chiesa?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here