AE - Fatima, imaculado coraçao, Mairiporã, Sao Paulo, Brasil

Accogliendo la proposta di tanti fedeli, la Conferenza episcopale, ha deciso di affidare l’intera Italia alla protezione della Vergine Maria, il tutto si svolgerà venerdì 1 maggio presso la basilica di Santa Maria del Fonte a Caravaggio, in diocesi di Cremona e provincia di Bergamo, alle ore 21.

Non a caso è stata scelta la data del 1° maggio, come ben sappiamo il mese di maggio è dedicato a Maria e alla preghiera del rosario, iniziare in questo tempo di coronavirus con un affidamento speciale alla Vergine è un atto molto significativo e di estrema importanza per tutti noi.

Caravaggio è un luogo che è stato provato dal dolore e dalla sofferenza della pandemia, e alla Madonna saranno affidati i malati, i medici, le famiglie e anche i defunti.

Ma il 1° maggio è anche la festa dello sposo di Maria, San Giuseppe lavoratore, a lui verranno affidati tutti i lavoratori in questo momento preoccupati per la loro sorte.

Queste le parole del cardinale Bassetti: “I pastori hanno il compito di guidare il loro gregge, il popolo cristiano, ma spesso è il popolo cristiano che spinge i pastori, come è avvenuto in questo caso”. Il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, racconta come è nata l’idea di affidare il Paese alla protezione della Madre di Dio come segno di salvezza e di speranza. “Ho ricevuto più di trecento lettere piene di amore e di devozione nei confronti della Vergine Maria” in cui, racconta il card. Bassetti, si chiedeva “perché non dedicare al Cuore Immacolato di Maria la nostra nazione, le persone che soffrono per questa epidemia, tutti coloro che lavorano negli ospedali e che devono occuparsi del loro prossimo”.

 

Leggi anche:  Mamma Federica "Ho sconfitto il Covid -19"


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here