Foto di klimkin da Pixabay

“Signore, non stare lontano, mia forza, accorri in mio aiuto”

Tutti siamo “tormentati” in certi momenti dai ricordi del passato, chi più e chi meno. A volte, dopo molti anni riaffiorano nella mente certi particolari di ferite e situazioni che ci hanno veramente fatto del male, a noi sembrava di averli dimenticati e invece nel momento in cui non ce l’aspettiamo, ripiombano nella nostra mente causandoci ancora più dolore. Il passato non appartiene a Dio, lo sappiamo questo e dobbiamo tenerlo bene in mente. Il nemico delle anime, spesso usa il passato per tubarci. Immaginiamoci chi si è convertito dopo tanti anni in cui ha condotto una vita dissoluta, ad esempio una prostituta che si converte dopo tempo e che decide di consacrarsi a Dio e di dedicare tutta la sua vita a Lui, il nemico non perderà tempo nei suoi momenti di fragilità, a farle riaffiorare la sua vecchia vita e a crearle turbamento e scoraggiamento.

Ma nella preghiera arriva sempre l’aiuto di Dio ed in questo caso nei Salmi che erano le preghiere con le quali pregavano Gesù e Maria.

Il Salmo 22 è molto di aiuto per guarire dai ricordi del passato

«Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?
Tu sei lontano dalla mia salvezza»:
sono le parole del mio lamento.

Dio mio, invoco di giorno e non rispondi,
grido di notte e non trovo riposo.

Eppure tu abiti la santa dimora,
tu, lode di Israele.

In te hanno sperato i nostri padri,
hanno sperato e tu li hai liberati;

a te gridarono e furono salvati,
sperando in te non rimasero delusi.

Ma io sono verme, non uomo,
infamia degli uomini, rifiuto del mio popolo.

Mi scherniscono quelli che mi vedono,
storcono le labbra, scuotono il capo:

«Si è affidato al Signore, lui lo scampi;
lo liberi, se è suo amico».

Sei tu che mi hai tratto dal grembo,
mi hai fatto riposare sul petto di mia madre.

Al mio nascere tu mi hai raccolto,
dal grembo di mia madre sei tu il mio Dio.

Da me non stare lontano,
poiché l’angoscia è vicina
e nessuno mi aiuta.

Mi circondano tori numerosi,
mi assediano tori di Basan.

Spalancano contro di me la loro bocca
come leone che sbrana e ruggisce.

Come acqua sono versato,
sono slogate tutte le mie ossa.
Il mio cuore è come cera,
si fonde in mezzo alle mie viscere.

È arido come un coccio il mio palato,
la mia lingua si è incollata alla gola,
su polvere di morte mi hai deposto.

Un branco di cani mi circonda,
mi assedia una banda di malvagi;
hanno forato le mie mani e i miei piedi,

posso contare tutte le mie ossa.
Essi mi guardano, mi osservano:
si dividono le mie vesti,
sul mio vestito gettano la sorte.

Ma tu, Signore, non stare lontano,
mia forza, accorri in mio aiuto.

Scampami dalla spada,
dalle unghie del cane la mia vita.

Salvami dalla bocca del leone
e dalle corna dei bufali.

Annunzierò il tuo nome ai miei fratelli,
ti loderò in mezzo all’assemblea.

Lodate il Signore, voi che lo temete,
gli dia gloria la stirpe di Giacobbe,
lo tema tutta la stirpe di Israele;

perché egli non ha disprezzato
né sdegnato l’afflizione del misero,
non gli ha nascosto il suo volto,
ma, al suo grido d’aiuto, lo ha esaudito.

Sei tu la mia lode nella grande assemblea,
scioglierò i miei voti davanti ai suoi fedeli.

I poveri mangeranno e saranno saziati,
loderanno il Signore quanti lo cercano:
«Viva il loro cuore per sempre».

Ricorderanno e torneranno al Signore
tutti i confini della terra,
si prostreranno davanti a lui
tutte le famiglie dei popoli.

Poiché il regno è del Signore,
egli domina su tutte le nazioni.

A lui solo si prostreranno quanti dormono sotto terra,
davanti a lui si curveranno
quanti discendono nella polvere.
E io vivrò per lui,

lo servirà la mia discendenza.
Si parlerà del Signore alla generazione che viene;

annunzieranno la sua giustizia;
al popolo che nascerà diranno:
«Ecco l’opera del Signore!».

Fonte. Gaudium Press di Rita Sberna


Leggi anche:  Preghiera potentissima per ottenere una grazia da Gesù

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here