foto: Provita

Sincermanete mi sono stancata di vedere sempre “particolarità” anche tra tipologie di religioni e soprattutto mi chiedo perchè noi cristiani dobbiamo rispettare gli atei e gli atei invece non rispettano noi cristiani?

Ognuno è libero di credere e non credere ma per un ateo che non crede, non significa che è autorizzato ad offendere chi invece crede nell’esistenza di Dio.

Quella che vi propongo è una fotografia presa dal sito Provita dove nel suddetto sito potrete leggere qualche informazione in più sulla questione della cassazione  e del ricorso contro il divieto d’affissione, da parte dell’Unione Atei e Agnostici Razionalisti, affermando che i “Non credenti hanno gli stessi diritti dei credenti”.

Io invece vorrei semplicemente soffermarmi alla frase che l’uaar ( Unione Atei e Agnostici Razionalisti) ha fatto affiggere sui pullman: “La cattiva notizia è che Dio non esiste. Quella buona è che non ne hai bisogno”. Questo è gravissimo ed è anche vergognoso!

Intanto affermare che Dio non esiste con certezza è un affermazione dogmatica che non sta nè in cielo e nè in terra, è una dichiarazione priva di dimostrazione scientifica.

Secondo la cassazione i credenti e non credenti hanno gli stessi diritti e doveri, allora mi chiedo io, se abbiamo gli stessi diritti e doveri, perchè loro possono permettersi di divulgare manifesti del genere contro i credenti, e noi non possiamo affiggere crocifissi, festeggiare il Natale, perchè altrimenti passiamo per quelli che non hanno rispetto per chi non crede e per chi fa parte di altre religioni?

E’ ora di dire BASTA!!!


Leggi anche:  Quando misteriosamente sparì il rosario di don Amorth nell'isola d'Ischia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here