foto da pixabay

Lo Spirito Santo aiuta nella crescita i nostri giovani.

 Il Sacramento della Cresima è fondamentale. Peccato che quando la si riceve, non ci sia una seria consapevolezza del grande dono che nella nostra anima avviene. Anche io quando all’età di 13 anni la ricevetti, non ne ero consapevole. Solo oggi posso dire di quanto sia importante e quanta grazia vi sia in questo sacramento.

Molte volte la Cresima viene vista come ultima tappa, per potersi “sbarazzare” della Chiesa. Niente di più triste e sbagliato!

I 7 doni dello Spirito Santo li riceviamo con il Battesimo e poi li Confermiamo con la Cresima.

La Sapienza

Che bel dono la sapienza! I giovani hanno voglia di camminare per conto loro per il mondo, questa potrebbe essere una ricerca della sapienza. I giovani hanno fretta di diventare grandi, di parlare come gli adulti, di vedere film di una certa importanza; tutto questo può essere chiesto chiedendo a Dio il dono della sapienza.

L’Intelletto

Entrare nel mondo degli adulti attraverso conversazioni da adulti, richiede tanto intelletto. I giovani vogliono essere presi sul serio e vogliono capire come va il mondo.

Hanno voglia di capire le cose di Dio, dice san Paolo: “Quando ero bambino, parlavo da bambino, pensavo da bambino, ragionavo da bambino. Da quando sono diventato uomo, ho smesso le cose da bambino”

La Scienza

I giovani vogliono essere autentici ed hanno bisogno della scienza. Non vogliono essere feriti dalla vita e a volte indossano delle maschere ma soltanto la scienza è in grado di correggere il loro orgoglio, ricordandogli che loro possono essere e sono “umili servitori del Signore” perché sono fatti ad immagine e somiglianza di Dio.

Leggi anche:  La preveggenza:ll demonio sa mascherarsi sotto apparenze di bene

Il Consiglio

I ragazzi vogliono cambiare il mondo, hanno fame e sete di giustizia. Si infuriano per il sessismo, il razzismo e la violenza e non ne restano indifferenti.

Hanno bisogno del “Consiglio dello Spirito Santo” il quale è in grado di dargli chiarezza morale.

La Fortezza

Il voler essere autonomi, rende i giovani forti. Hanno bisogno di basare il loro coraggio su Dio. La fortezza aiuta a riconoscere la falsa fiducia in se stessi, riconoscendo che la vera fiducia sta in Dio.

La Pietà

I giovani hanno bisogno di un’appartenenza, vogliono trovare una casa e questa è la pietà.  Papa Francesco ha affermato che la pietà non è una dimostrazione esteriore ma la nostra appartenenza a Dio.

Il Timor di Dio

I giovani vogliono conoscere i propri limiti ed hanno bisogno del Timor di Dio. Il Timor di Dio è una dimostrazione di rispetto e riverenza nei confronti del Padre Celeste, ci aiuta a capire che Dio non è un castigatore ma un protettore che vuole soltanto il nostro bene.

Fonte. Gaudium Press di Rita Sberna


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here