Attenzione genitori, sequestrate ai vostri figli le carte di «Yu-Gi-Oh». Almeno se prendete sul serio l’allarme lanciato un paio di giorni fa dal questore di Pesaro Benedetto Pansini che, con una conferenza stampa, ha tuonato contro il gioco ispirato a un fumetto giapponese: «Non regalatele ai vostri figli per Natale, sono un concentrato di satanismo e esoterismo».

Carte vietate, carte desiderate
Secondo il questore le carte che ogni giorno i nostri bambini ci implorano di acquistare in edicola sarebbero un gioco molto pericoloso: «Mascherano pratiche di occultismo, invitano i più piccoli a duellare con gli spiriti e che sono dannose per la psiche. Mia intenzione è portare avanti un’azione di contrasto contro questa “selvaggitudine”». Dopo l’avvertimento lanciato dall’autorevole funzionario, Pesaro è in gran subbuglio alla ricerca forsennata del diavolo, il locale «Corriere» da un paio di giorni sta facendo inchieste a tappeto sulle carte «Yu-Gi-Oh», un’insegnante della media Galilei dichiara che ne ha sequestrati ben due mazzetti, padre Salesio, parroco di Sant’Agostino ammette la sua preoccupazione per aver visto i piccoli giocarci anche in parrocchia, gli edicolanti del centro ammettono di venderne centinaia di pacchetti al giorno non solo ai bambini.

Il campione del mondo
In effetti la passione per le carte «Yu-Gi-Oh» è molto più di un gioco da ragazzi, sapersi destreggiare tra simboli e poteri richiede capacità non indifferenti di logica e concentrazione. Esiste un campionato mondiale di gioco, le cui finali si tengono ogni anno a Tokyo. Per paradosso il campione mondiale è proprio un italiano. Dario Longo è il ventenne milanese che pochi mesi fa ha sgominato nell’ultimo torneo delle finalissime il pericoloso campione di Hong Kong, si è così aggiudicato la palma del miglior giocatore tra ventidue campioni selezionati in tutto il mondo. Interrogato sul possibile risvolto diabolico della sua passione ha sorriso: «Non vedo proprio un motivo per dire queste cose, gioco con queste carte da anni, non ho mai visto nessun “posseduto”, mi alleno un paio di ore al giorno faccio una vita normale, lavoro e questo gioco per me è un hobby». Ad agosto Dario si rigiocherà il titolo e difende l’oggetto della sua passione: «Posso dire che è un gioco molto intuitivo, conta l’esperienza, ma possono provarci tutti, bambini compresi».

Giochi e anatemi
L’anatema è ora scattato sulle carte «Yu-Gi-Oh», ma la sindrome di possessione diabolica attraverso oggetti di consumo ludico non è nuova. E’ una delle moderne paure che affonda le sue radici storiche nelle invocazioni al diavolo nascoste nelle parole rovesciate di alcuni brani di musica rock, ma un analogo timore serpeggia anche nell’universo ambiguo dei miti metropolitani; si è parlato molto della Procter&Gable che sarebbe stata costretta a cambiare il proprio marchio con un vecchio barbuto che sembrava il diavolo, ma anche di Bill Gates, le cui lettere del nome, se scritte in codice Ascii (American Standard Code for Information Interchange) e sommate, darebbero il numero 666 dell’Anticristo. Ogni anno qualcuno mette in guardia sulle possibili derive sataniche per chi si maschera ad Halloween, ma anche Don Gabriele Amorth una volta disse: «Si inizia con Harry Potter, ma si finisce col demonio». Il sito cattolico integralista «Shedding Light» riporta un articolo del mensile bresciano «Chiesa Viva» dove il religioso Giorgio dell’Aglio fa una lista nera e dettagliata della maggior parte dei giocattoli oggi in uso, scovandovi ovunque occulte tracce diaboliche: «I Pokemon sono 150 angeli caduti dal cielo; dunque démoni, ciascuno con un potere malefico particolare. Pikachu significa 100 volte più potente di Dio». Oltre ai Pokemon però bisogna diffidare anche di Dragonball: «La O di DragOn è una stella a cinque punte, in un circolo – simbolo satanico naturalmente – Ball, o Baal, è il nome di un demonio che gli ebrei nel deserto servirono al posto di Dio, offrendogli i loro figli nel fuoco». Nell’indice non mancano scomuniche contro la Barbie (istiga all’impudicizia) Le Bratz (blasfeme) I Teletubbies (Un gruppo di gay) e quasi tutti i più noti eroi dei cartoons di Disney Channel. Troppe insidie sulfuree. E proprio ora che è tempo di regali, vorrà dire che prima di mettere giocattoli sotto l’albero ci toccherà farli passare al vaglio di un esorcista. Fonte. La Stampa.it

 

 


1 COMMENT

  1. Ciò che di fondo viene messo in evidenza non è sbagliato.
    Ossia che si tratta di giochi inopportuni per i bambini o troppo giovani.
    Ciò non vuol dire che gli angeli non abbiano a che fare con situazioni del genere in continuazione.
    Ovvero: non è tanto la magia in sé ad essere fuorviante ma il fatto che venga usata come cosa normale. E’ infatti una caratteristica di Dio (non vi scandalizzate in questo: vedete Mosé negli affreschi della cappella Sistina di fronte alla ribellione di Core Datan e Abiram) ma che deve essere usata SOLO ed ESCLUSIVAMENTE in situazioni ESTREME in cui non c’è null’altro da fare.
    Ed esistono certamente angeli capaci di lottare anche in queste condizioni: ma sono autorizzati da Dio a farlo. E’ loro concessa una specifica Grazia.
    Insegnarlo ai bambini senza invece insegnae loro i fondamenti del Cristianesimo e del Catechismo è un affare molto pericoloso, perché i bambini sono senza difesa se non sono abituati a pregare e a seguire i Sacramenti sin dalla tenera età.
    Questo sì che è fondamentale!
    Diciamo che lo Yu-Gi-Oh è un gioco da grandi, per coloro che sanno anche come pulirsi lo spirito. Ma sempre con la massima cautela perché si entra nel mondo del cervello e districarsi poi non è per niente facile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here