11010998_10207585008410364_3392272733435886382_n#Papa Francesco aveva appena intonato il Padre Nostro davanti a circa 50 mila persone accorse a Torino per ascoltarlo. Tra loro una donna che, a pochi metri dal palco del Pontefice, ha iniziato a sentirsi male urlando parole sconnesse, con gli occhi rivolti verso l’alto e rivolgendo insulti, pugni e calci a chiunque le stesse accanto o provasse ad aiutarla.

L’episodio è simile a quello accaduto ad un’altra donna pochi  giorni fa proprio a Torino, davanti alla Sindone. In quel caso però dopo la “crisi” la signora si era alzata come se niente fosse e se ne era andata. Qui invece è stato diverso. I testimoni assicurano che la donna invocava Satana, bestemmiava contro Gesù e la croce. I medici subito intervenuti si sono trovati impotenti di fronte a quanto stava accadendo così come le forze dell’ordine che non sono riuscite a calmarla in nessun modo. A quel punto era chiaro a tutti di cosa si trattasse e i sanitari del 118 hanno avvisato i religiosi presenti alla funzione. A quel punto è intervenuto un esorcista, tra l’altro l’unico autorizzato in Piemonte dal cardinale Cesare Nosiglia. Il sacerdote esorcista ha preferito non rivelare il suo nome e ha confessato ai giornalisti presenti che la donna era già nota alla curia torinese: “La conosciamo da almeno due anni, si tratta di un caso molto serio, che seguiamo con attenzione da mesi”. A chi obbietta che potrebbe trattarsi di una malattia psichiatrica il prelato risponde così: “Purtroppo è un caso di autentica possessione maligna, sono pochi casi ma questo è uno di quelli che riconosciamo come tali”.

La donna è una torinese di origini siciliane ed ha un figlio. Il sacerdote esorcista ha raccontato un po’ la sua storia: “Ci incontriamo almeno una volta alla settimana per cacciare la presenza maligna dalla sua anima. Da due anni abbiamo fatto passi avanti notevoli ma non possiamo dire di aver risolto il caso”. Un caso molto serio perché, come racconta sempre il prelato, la donna durante gli episodi di possessione appare trasfigurata e risulta irriconoscibile anche agli occhi del figlio. Inoltre “parla una lingua sconosciuta, come se avesse una grammatica. Quando la incontro, con me dimostra un’aggressività mostruosa, quasi disumana. Poi però improvvisamente dopo le preghiere si riprende. Ma non ricorda nulla”.

F.B. Fonte. Diretta News.it


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here