Due vescovi raccontano Medjugorje

Mons.George Pearce, arcivescovo emerito dell’isola di Fiji, è giunto in visita privata a Medjugorje tra la fine di settembre ed i primi di ottobre. Qui di seguito le sue impressioni:”Non dubito della veridicità di Medjugorje Sono già stato qui 3 volte ed ai sacerdoti che mi domandano una testimonianza dico: andate e sedetevi nel confessionale e vedrete tutti i miracoli… per intercessione di Maria e con la potenza di Dio. Ci è stato detto: ‘Li riconoscerete dai frutti’. Il cuore e l’anima dei messaggi di Medjugorje sono senza dubbio l’Eucarestia ed il sacramento della riconciliazione. Non ho alcun dubbio sul fatto che questa sia opera di Dio, ripeto: non si può non credere quando si trascorre anche un po’ di tempo nel confessionale. Sia i segni, sia i miracoli sono opera della misericordia divina, ma per i sacerdoti il miracolo più grande è quello di vedere gli uomini attorno all’altare di Dio. Sono stato in molti santuari, ho trascorso abbastanza tempo a Guadalupe, sono stato otto volte a Fatima ed a Lourdes. È la stessa Maria, lo stesso messaggio, ma qui a Medjugorje questa è la parola odierna della Vergine per il mondo. Nel mondo ci sono tante difficoltà e tanta sofferenza. La Madonna è sempre con noi, ma a Medjugorje è insieme a noi in modo speciale.”Vorrei dire a tutti venite qui con la mente aperta, in preghiera, affidate il vostro viaggio alla Vergine. Venite soltanto e Signore farà tutto il resto”.

Fonte: Eco di Medjugorje nr. 168


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here