Don Gabriele Amorth: I poteri di satana

Nel giudizio finale trionfa la misericordia di Dio e la sua giustizia; trionfa anche la libertà bene usata e viene punita la libertà usata male. Intanto Dio non rinnega neppure quelle sue creature che sono i demoni e permette che agiscano. La loro azione ordinaria è tentazione; e abbiamo visto come Dio ne tragga il bene. Dio trae il bene anche dall’azione straordinaria del demonio, che è rara (mentre la prova della tentazione agisce su tutti) e che può essere colpevole o incolpevole, come abbiamo esposto nel N. 82 di Eco.

Ora vediamo in quale azione straordinaria il demonio ha potere, sia pure in casi particolari, di compiere a nostro danno. riassumo in modo sistematico, in cinque punti.

1. Disturbi esterni. Il demonio può causare sofferenze esterne (ossia rimanendo al di fuori della persona colpita) anche molto gravi. E’ quello che è accaduto a molti santi: S.Paolo della Croce, il Curato D’Ars, P.Pio… . Si tratta di battiture, colpi flagello, percosse in ogni parte del corpo; talvolta la vittima stata buttata a terra o sbattuta contro i muri o fatta rotolare giù per le scale. Sono fatti rari, accaduti non solo a santi; in forme lievi, ho conosciuto e conosco varie persone che hanno sofferto simili attacchi.

2. Possessione diabolica. E’ il disturbo più grave e si quando il demonio si stabilizza in un corpo umano e lo costringe a dire cose o a fare cose di cui la persona non ha nè responsabilità nè talvolta la capacità. E in questo caso che si verificano anche quei fenomeni più vistosi, come parlare lingue del tutto ignorate dalla vittima, dimostrare una forza sovrumana, conoscere fatti lontani e segreti. Il Vangelo ce ne presenta un tipico esempio nell’indemoniato di Gerasa. Ma il Vangelo ci presenta anche tanti altri esempi. I casi di possessione possono essere quanto mai vari, a volte con sintomi vistosi e altre volte no. Sarebbe un errore molti ci cadono) farsene un’idea standard.

3. Vessazione diabolica. Si tratta di disturbi minori, che non comportano la possessione. Ad esempio, Giobbe fu colpito nella salute, negli affetti, nei beni materiali, senza per questo essere posseduto. E noi esorcisti benediciamo assai più casi di vessazione che di possessione: persone colpite nella salute (con mali ribelli ad ogni farmaco e in cui i medici non capiscono di che cosa si tratti), negli affetti, nei beni o nel lavoro, con fenomeni strani sulla persona o sulle proprie cose, senza però che ci sia possessione diabolica.


1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here