Foto di D Casp da Pixabay

In passato don Amorth ci ha parlato più volte del dramma “unico” di una posseduta, Giovanna, raccomandandola alle nostre preghiere.

«Giovanna -scrive il fratello missionario padre Ernesto – non è ancora liberata e soffre sempre di più. Su di lei si scagliano ininterrottamente gli strali del nemico di Dio… Vogliamo aiutare questa sorella crocifissa che paga specialmente per i sacerdoti? (“Me ne ha strappati tanti ed è per questo che è la mia disperazione” ha confessato satana). Ma in che maniera possiamo aiutarla? Soprattutto con la S. Messa e il Rosario, possibilmente intero e recitato in comune…» Ecco che cosa accadde durante un esorcismo condotto da p. Candido, il famoso esorcista di Roma:

«Stavamo pregando il Rosario quando, presa da satana, Giovanna mi strappa la corona facendola a pezzi, sibilando: “Voi e la vostra devozione da vecchiette!” Allora padre Candido le mette al collo una grande corona, ma Giovanna non la può sopportare e torce collo e testa in tutte le direzioni, ansimando furiosamente. “Come mai hai paura della devozione delle vecchiette?” lo sfida p. Candido. Satana risponde gridando: “Mi vince”. Il Padre incalza: “Poiché hai osato offendere il Rosario di Maria, ora devi tesserne le lodi. In nome di Dio, rispondi: E’ potente il Rosario?” Risposta: “E’ potente nella misura in cui si recita bene”. “Come si fa a recitarlo bene?” R. “Bisogna saper contemplare”. “Cos’è contemplare?” R. “Contemplare è adorare”. “Ma Maria non si può adorare!” R. “E’ vero, si, ma è adorabile (?!)”. E prendendo con grazia tra le dita un grano della corona dice: “Ogni grano è una luce e bisogna dirlo così bene che nemmeno una stilla di questa luce vada perduta”. Strano predicatore che, contro voglia e contro se stesso, ha dovuto ammettere la potenza del Rosario!»

Leggi anche:  Anime vaganti e dannate: che cosa dice in proposito la Chiesa?

 


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here