Gesù ti ascolta, ti vede, ti guarda, scruta il tuo cuore, lo avvolge in un abbraccio fraterno e paterno. Non ti condanna, ti guarda amorevolmente ed è sempre con le braccia aperte. Vuole la tua felicità.

Tu sei un suo strumento, non è vero che non sei utile, a te sembra ma non lo è.

Le tue preghiere, la tua compassione per i bisognosi, l’apertura verso le amicizie … tutto questo gli è strettamente caro.

Non sentirti giù, reagisci alla vita con un sorriso.

So che lo ami e Lui ama te. Legge il tuo cuore in ogni istante, sa cosa provi, non ha bisogno di parole, Lui sa tutto!

Vedo la Sua faccia ogni giorno nei Cieli. Dio a volte è sdegnato ma mai arrabbiato personalmente con gli uomini.

Sii gioiosa, porta la gioia ovunque. Tu sei di Cristo.


1 COMMENT

  1. Scusa cara Rita se te lo dico, ma sono parole di circostanza e scarsa psicologia che Gesù probabilmente non direbbe.
    Quanto a Dio, si arrabbia, eccome se si arrabbia!
    Se ancora non lo avete visto così è perché state tutti quanti in vacanza immeritata perché c’è qualcuno che ne blocca il braccio furioso!
    Basta che poi leggiate la Bibbia nell’Antico Testamento che troppi, persino i preti, dimenticano.
    Dio si arrabbiò oltre che con san Davide re e profeta per una donna non permessa (nonostante le sue tante avventure e figli e massacri dei nemici), persino con i Re che non erano suoi.
    Alcune citazioni per fare un po’ di catechismo:
    Esodo – 34
    [7]che conserva il suo favore per mille generazioni, che perdona la colpa, la trasgressione e il peccato, ma non lascia senza punizione, che castiga la colpa dei padri nei figli e nei figli dei figli fino alla terza e alla quarta generazione».
    Numeri – 14
    [18]Il Signore è lento all’ira e grande in bontà, perdona la colpa e la ribellione, ma non lascia senza punizione; castiga la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione.
    Deuteronomio – 5
    [9]Non ti prostrerai davanti a quelle cose e non le servirai. Perché io il Signore tuo Dio sono un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione per quanti mi odiano,
    Secondo libro dei Re – 10
    [30]Il Signore disse a Ieu: «Perché ti sei compiaciuto di fare ciò che è giusto ai miei occhi e hai compiuto per la casa di Acab quanto era nella mia intenzione, i tuoi figli fino alla quarta generazione siederanno sul trono di Israele».
    Secondo libro dei Re – 15
    [12]Così si avverò la parola che il Signore aveva predetta a Ieu quando disse: «I tuoi figli siederanno sul trono di Israele fino alla quarta generazione». E avvenne proprio così.
    Ma potrei continuare.
    In fondo l’Apocalisse è la manifestazione, più misericordiosa a mio giudizio, dell’Ira di Dio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here