Rita Sberna (1)

Credo che il tema delle #relazioni riguardi un pò tutti perchè tutti siamo in continua relazione con l’altro. Il marito deve relazionanrsi alla moglie, la moglie al marito e poi ci sono i figli, gli amici, le comunità parrocchiali, i colleghi di lavoro, i vicini di casa, i conoscenti ecc…

Ma come si può fare per migliorare le relazioni?

3 consigli sono efficaci per fare ciò!

Il primo consiglio è quello di non evidenziare i fattori negativi di una situazione, dicendo a chi ci relazioniamo “non fare questo e non fare quest’altro” ma puntiamo nel raccontare e consigliare ciò che si potrebbe fare e la bellezza di quell’azione o situazione.

Es: non ripetere a tuo figlio sempre la stessa cantilena “togliti davanti al video game” ma digli “che ne dici di fare una passeggiata insieme? E’ molto bello passeggiare all’aperto”;

Il Secondo consiglio riguarda il momento in cui bisogna mettere in chiaro con l’altra persona che c’è stata qualcosa che non è andato. Quale atteggiamento attuare?

Es: chiamo un’amica e le dico che si è comportata male l’altra sera a cena. L’amica per autodifesa mi risponderà con atteggiamento difensivo. Allora come affrontare la questione? Il primo passo è quello di parlare di se stessi dicendo all’amica “Lo sai che l’altra sera a cena quando hai detto quella frase mi sono sentita ferita? Questo serve a non attaccare direttamente l’altro perchè il problema non è l’altro ma i sentimenti che sono scaturiti in me tramite le frasi della mia amica.

Ponendo la questione sotto quest’aspetto la relazione migliora perchè gli fai capire che il problema non è lei ma la tua reazione scaturita.

Il terzo consiglio è mirato soprattutto quando ci troviamo in famiglia. Spesso e volentieri come succede nel mondo del web, stiamo tutti con gli occhi puntati in attesa che l’altro sbagli affinchè io mi senta appagata rimarcando l’errore dell’altro.

Perchè invece non puntualizziamo le qualità e i talenti di quella persona? Perchè tu moglie non ti complimenti con tuo marito che su 10 errori che ha fatto, c’è stata una volta in cui gli è riuscita bene la carbonara? Questo per fare un esempio pratico…

Perchè tu mamma a tuo figlio non lo riempi di complimenti anzichè criticarlo solo per i suoi brutti voti?

Impariamo a relazionarci per avere sempre attorno a noi tanta positività.

Rita Sberna

 


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here