Foto di Photo Mix da Pixabay

L’esorcista Sini, fa delle dichiarazioni molto forti riguardo all’esecutivo guidato da Giuseppe Conte e alla situazione che la Chiesa in Italia si ritrova a fronteggiare:

“Celebrare la domenica la messa con il popolo, naturalmente con tutti gli accorgimenti per la tutela della salute, è un nostro diritto ed anche dovere di pastori. Non possiamo ridurre la messa alla tv o allo streaming in quanto la messa ha natura sacramentale. Ho la sensazione che mai come in questo momento, la Chiesa in Italia sia sotto attacco. Vogliono mandarci nelle catacombe, non era mai accaduto . Lo ripeto che, senza la Domenica, non possiamo. Con rammarico prendo atto, invece, che da questo governo noi cattolici non siamo considerati”.

Don Gianni Sini è sacerdote esorcista di Tempio Pausania, ad intervistarlo è stata La Fede Quotidiana.

Ha poi aggiunto: “Chiedo ai cattolici di farsi sentire, di alzare la voce una buona volta. Non passi l’ idea sbagliata e molto insidiosa, che la chiesa sia il luogo del contagio”.

Sull’esecutivo di Conte afferma: “non è rispettoso dei diritti dei cattolici. Le ribadisco che cose simili non sono accadute neanche al tempo di Diocleziano. Non è pensabile lasciare senza i sacramenti per tanto tempo il popolo di Dio, è arrivato il momento di riprenderci la messa”.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here