app Immuni

L’immagine presentata dall’app Immuni ha scatenato un’enorme bufera specialmente tra Ministri (donne soprattutto) le quali si sono sentite “offese” nel vedere l’immagine che rappresenterebbe la donna con il bimbo in braccio e l’uomo a lavoro. Addirittura c’è chi ha accusato l’immagine di andare contro le donne. Si è scatenata una vera battaglia ma io come sempre abbraccio le parole della giornalista Costanza Miriano che vanno sempre controcorrente e sono una luce in mezzo a tante tenebre.

La Miriano sul suo profilo facebook scrive: “Una lesbica che vive in Germania protesta, e il ministro della famiglia (?) italiano corre ai ripari: bisogna rimuovere la mamma che tiene in braccio il neonato. A parte che bisogna forse spiegare a certa gente che sta fuori dalla realtà che i neonati di solito li tengono più spesso le mamme perché sono loro che hanno il seno e li nutrono, non perché i padri vanno in giro a divertirsi, vorrei anche io dire al ministro Bonetti che mi sento offesa.
Le famiglie italiane non sono offese né da questa né dall’immagine opposta che ha subito sostituito la precedente. Sono offese per essere discriminate sistematicamente e perseguitate fiscalmente da decenni. Che dite se faccio un tweet il ministro si affretta a rispondere anche a me?”

Invece tra tutti i politici indignati che a mio parere dovrebbero indignarsi per questioni serie ritroviamo: Andrea Orlando ed Enrico Letta che scrivono:

“Come è possibile che l’immagine della donna nel 2020 sia ancora legata, anche all’interno delle istituzioni, agli stereotipi più logori e abusati? La vicenda dell’app non va minimizzata perché è sintomo di qualcosa di grave e profondo”, è intervenuto su twitter il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando.

Leggi anche:  L’uomo tende a porsi domande ma proprio lì, entra in gioco la fede

“Sulla #immuniApp peggio dell’immagine stereotipata (donna col bambino e uomo al lavoro) ci sono i commenti. Tanti, troppi, che la giustificano e si scandalizzano per lo scandalo”, ha scritto Enrico Letta.

Ma quale sarebbe l’offesa all’immagine della donna? Per me vedere una donna che sta in casa nel 2020 a crescere i suoi figli è un qualcosa di straordinario. Dove sarebbe l’offesa? Qualcuno mi può rispondere??


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here