Cari amici, voglio condividere con voi un breve pensiero su quello che per me rappresenta il pellegrinaggio a Medjugorje.

Molti di voi, hanno ascoltato la mia testimonianza più volte, che non è una testimonianza fatta di visioni, apparizioni o segni straordinari …. ma la straordinarietà della mia storia sta semplicemente nella “riscoperta dei sacramenti”: confessione e comunione.

Molte volte ci professiamo cristiani con molta leggerezza, ma in realtà sono pochi coloro che hanno colto il vero messaggio di Cristo, coloro che credono nella potenza dei Sacramenti. Medjugorje  mi ha dato questa scoperta: ho creduto fermamente che Gesù Cristo è realmente presente nella Santissima Eucarestia, che diventa realmente Corpo e Sangue; ho creduto fermamente che chi rimette i peccati è sempre Gesù Cristo, tramite le mani del sacerdote, mediante il Sacramento della Confessione.

Tra i vari luoghi che mi emozionano di più a Medjugorje vi è il monte Kricevac, semplicemente perchè durante la scalata, durante la Via Crucis, riesco a contemplare intimamente nel mio cuore, tutta la sofferenza e il calvario che Cristo ha patito per noi con tanto amore.

Vi saluto da questo meraviglioso monte!

Rita Sberna


1 COMMENT

  1. IL MIO VIAGGIO A MEDJUGORJE
    Per molti anni, ho conservato nel mio cuore il desiderio di andare in pellegrinaggio in un luogo mariano: sin da piccola , ho sempre tanto amato la nostra Mamma Celeste.
    Alcuni anni fa, entrai in facebook e attraverso un gruppo di preghiera, conobbi Luciano Cerroni, venendo a conoscenza che lui stesso organizzava viaggi per Medjugorje e confesso, sognavo di andarci!
    Mai avrei immaginato che quel mio grande desiderio si stava realizzando: c’era in programmazione un viaggio a fine Maggio, ed essendo il 7 Maggio il mio compleanno, da mie figlie per regalo ricevetti il denaro per il viaggio ed inoltre convinsero mio marito a lasciarmi andare.
    Attraversavo un momento di grande stanchezza fisica, morale e spirituale (io sono una piccola serva del Signore) e compresi che tutto mi veniva dalla Madonna, insieme ad una grande gioia.
    Fare amicizie per me, non è affatto difficile e subito ebbi accanto persone meravigliose e già durante il viaggio, si percepiva la presenza della nostra Mamma, tutto il tragitto era costellato di preghiere e di sofferenze, sempre si parlava di DIO, di quanto fosse importante nella nostra vita. A Medjugorje ho potuto incontrare Erminia, mia figlia spirituale, conosciuta su f.b. da alcuni anni; lei quando seppe del mio pellegrinaggio, prenotò un volo e potei conoscerla personalmente e abbracciarla proprio sotto la statua della Madonna !
    Ho potuto incontrare tante belle persone, come padre Andreass colombiano, che ci ha accompagnati spiritualmente, stando sempre con noi , sembrava di stare con Papa Francesco, che io amo tanto !
    A Medjugorje avevo sempre accanto le mie care amiche-sorelle Mariana ed Anna Rita, con loro nelle celebrazioni delle Messe, nei rosari…loro si accorgevano quando ero nella sofferenza e mi sostenevano (sentivo che aiutavo tanta gente ad espiare i loro peccati !) , ma con loro ho anche riso tanto, (mi ero dimenticata che sapevo anche ridere !)
    Il 2 giugno, nonostante il maltempo , eravamo anche noi all’appuntamento per l’apparizione della Madonna; io non potevo salire il monte, per la sofferenza ai piedi e sostammo alcuni metri sotto. Ricordo che aveva piovuto tanto quella notte e al mattino, il cielo era coperto di nuvole nere che minacciavano la pioggia. Le mie sorelline ed io ci eravamo procurate gli impermeabili, io anche una seggiolina e stavamo in attesa… L’apparizione era prevista per le 9 del mattino, ormai mancava un quarto d’ora, c’era tanta gente e tanti bambini di ogni età, alcuni piangevano, altri gridavano, mentre si udiva il rosario recitato attraverso un megafono, che con Mariana e Anna Rita seguivamo insieme a tanti. Poi il cielo si aprì, ed apparve un sole i cui raggi toccavano terra…vedemmo passare la veggente Myriana con il suo seguito ed in pochi minuti il cielo si liberò da ogni nuvola , mentre tra la gente si udì un urlo di un indemoniato che gridava : “Maria vai via, Maria vai via !”
    Io presi il mio telefonino e chiesi a Mariana di scattare una foto al sole, io non mi sentivo bene e restai seduta. Alle nove in punto, vidi dei bagliori color rosa in cielo,tutto era silenzio, non una voce e neanche un insetto si sentiva volare !
    Pochi minuti e tutto tornò al vociare di prima…
    In quel luogo , sono stata tanto felice, non avrei voluto più andarmene …
    C’è stato sempre tanto amore nel mio cuore, ma al ritorno da quel viaggio, sentivo la mia anima leggera, vuota da ogni dolore e dispiacere, con un gran senso di pace e di perdono e con il desiderio di abbracciare tutti, anche chi non conoscevo.
    Maria mi aveva colmata del suo immenso amore !

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here